ITALIAN WAVES 2: Hybrid Circle - A Matter of Faith


E’ fantastico ascoltare un cd, tenerlo in stereo per settimane, e scoprire che la band che lo ha composto, ha le tue stesse origini! Gli Hybrid Circle sono una band italiana, appartenente al filone Djent (genere progressive fortemente ispirato ai 5 onniscenti svedesi conosciuti con il nome ‘Meshuggah’), in attività dal 2008. Cosa mettere in risalto di questa release? E’ molto semplice, l’ispirazione! Le ottime parti vocali e la voluta/cercata ispirazione nel campo delle sette corde. Con i tre full-lenght precedenti , i nostrani non si erano fatti tanto notare, ma con questo nuovo lavoro, hanno trovato i giusti requisiti per entrare a far parte dei grandi, grazie al giusto equilibrio tra melodia e ponderosità. Il vocalist, Antonio di Campli, ci offre una prestazione abbastanza convincente, dai ritornelli melodici , abbastanza guidati e adeguati allo stile di canzoni adattate dalla band, alle forti parti in screaming, tra l’altro con un timbro vocale molto personale. Passiamo invece ai chitarristi ( Alessandro Mitelli e Simone di Cicco) che trovano il giusto guitarwork, unendo riff sincopati , non troppo esagerati , e riff molto melodici che si legano nitidamente alle linee vocali, del già sopracitato Antonio di Campli. L’apice più alto raggiunto dalla band, sono le canzoni ‘Age of Rationality’, cioè un mix di violenza e melodia che mette in risalto le qualità artistiche della band, e ‘Trial of Trust (Arrival on Titan)’, pezzo lento in cui si evidenzia il lato compositivo/sperimentale dei cinque Abruzzesi, pezzo che potrebbe portare tranquillamente la mente dell’ascoltatore su altri pianeti, quasi a fargli raggiungere la pace, la tranquillità. Gli amanti del genere non rimarranno per niente delusi. Per gli ascoltatori, pieni di pregiudizi, inviterei ad abbattere le barriere legate al razzismo verso le nuove sonorità e i nuovi generi legati al progressive metal, e di aprire gli occhi a questo nuovo panorama musicale. Alla fine è tutta una questione di fede…



 Marcello Mazza

Share on Google Plus

About Edoardo Del Principe

YDBCN è un collettivo di persone disagiate che odia la musica
    Blogger Comment