Recensione: Traitors - The Hate Campaign "Il partito dell'amore"


Il beatdown hardcore è notoriamente un genere senza pretese se non quella di essere un genere d'impatto totale, e i Traitors con questo loro preannunciatissimo disco hanno delineato perfettamente le regole che con Black Tongue, Bodysnatcher e altri gruppi non erano totalmente messe in luce.
In primo piano va sottolineata la natura del disco, che non si limita alla violenza solamente dal punto di vista sonoro con accordature abissali e growl spaventosi, ma il tutto viene infatti completato dall'alternanza di canzoni più incalzanti ad alcune più lente e oserei dire “Prepotenti” oltre che possenti; questa alternanza, resa perfettamente nelle canzoni da “A common demon” a “Dissociated” contribuisce a creare l'atmosfera davvero cupa e di tensione che si può percepire durante la mezz'ora di ascolto. Altro fattore che contribuisce a pieno nel creare questo clima di tensione sono gli intermezzi tra alcune canzoni che tra suoni di guerriglia e discorsi di guerra mettono l'ascoltatore in uno stato di ansia totale. Nulla da dire sul lavoro dei singoli membri se non che il cantante Tyler propone una timbrica davvero adatta al genere o perlomeno alla base strumentale devastante creata dagli altri membri del gruppo.
Difetti in questo disco sinceramente non ne ho trovati, nemmeno la noia che potrebbe risultare da un ascolto prolungato dato che i Traitors con il loro “The Hate Campaign” si limitano a una mezz'ora tonda di lunghezza con più di 5 minuti di intermezzi.
In conclusione l'album per me è da reputare superiore a tutti gli altri in questo genere controverso, una spanna sopra tutti per le cose descritte poco sopra quindi senza indugio questa è la valutazione che i Traitors si meritano da parte mia.



Tracklist:
01. Civil Dissonance (Intro)
02. Disappoint
03. Drown
04. A Common Demon
05. Overthrown
06. The Perfect Enemy
07. Curfew
08. Leech
09. Buried Alive
10. Onslaught
11. Dissociated
12. The Hate Campaign

Recensore: Andrea Facchinello

SENTENZA: Misery Index!



Share on Google Plus

About Edoardo Del Principe

YDBCN è un collettivo di persone disagiate che odia la musica
    Blogger Comment