Recensione: Sulphur Aeon - Gateway To The Antisphere "Rilasciate Il kraken!"


DOVETE APPREZZARE IL FOTTUTO ARTWORK.

Ma Gesù, ma tu, potevi mandarmi sotto esami un cd così bello?
Io amo il Death Metal in tutte le sue forme, dalle più bislacche, a quelle più esoteriche, più veloci o lente ma di volte che mi capita di sentire cd così...quelle sono poche. Il precedente Swallowed By The Ocean's Tide ha fatto solo intravedere la mostruosa creatura lovecraftiana che si celava nelle profondità abissali delle menti di questi 3 ragazzi.
Gateway To The Antisphere la rilascia e prende la rabbia e la furia primitiva del suo predecessore, la razionalizza, la rende un oggetto di studio e ne estrapola l'essenza. Prende le parti meno canoniche di quel Death Metal così indefinito e le mischia nel maelstrom di terzine, sestine, arpeggi e doppia cassa dell'album. Il sound del cd risulta finalmente omogeneo e veramente più digeribile del precedente. Nonostante stiamo difronte ad un cd ostico da assimilare è anche vero che non è punitivo come il precedente e ora le strutture sono meno dispersive e più meccanizzate tali da far arrivare la canzone dritta al punto. I Sulphur Aeon hanno deciso di togliere un po' di misticità al proprio sound, un po' di indefinitezza, quel non so che di spettrale per regalarci un cd fruibile a chiunque voglia essere attratto da questa creatura. Il lavoro meticoloso di arrangiamento e perfezione delle atmosfere e delle dinamiche della semi-titletrack, o di Titans, Abysshex o di Onwards... Towards Kadath dove avere eiaculazioni dalle orecchie non sembra essere un report clinico impossibile rende questo cd svariate spanne sopra la media di chi torna a proporre roba vecchia, da vecchio o da giovane. Quello che lasciano i Sulphur Aeon è un tracciato impervio da ripercorre e per questo non credo che questo cd lascerà dietro di se una grossa eredità ma è abbastanza importante per la band stessa e per quello che è il Death Metal a tema lovecraftiano da poter marchiare a ferro e fuoco la coscienza dei fan di Nile e Behemoth.


Recensore: Edoardo Del Principe

SENTENZA: Rilasciate il Kraken!

 
(fate finta ci sia mezzo voto in più se siete ossessionati da Behemoth e Nile)


Share on Google Plus

About Edoardo Del Principe

YDBCN è un collettivo di persone disagiate che odia la musica
    Blogger Comment