Recensione: Ultra-Violence - Deflect The Flow "Niente spazzatura"

Chiedo scudo disse Luca Giurato.
Vi elencherò brevemente gli unici cd thrash che mi sono piaciuti dal 2000 in poi.

Tempo Of The Damned
Black Future
Chaos in Form
Outer Isolation
Shovel Headed Kill Machine
TAEB 1 e 2
Unassigned Death Chapter
The Blackening
Profondo Rozzo

Aggiungeteci Deflect The Flow.
La band italiana riesce a mettere in piedi una vera e propria macchina da guerra a-temporale dove c'è spazio per i Revocation, gli ultimi Exodus come i Machine Head di qualche anno fa. C'è talmente roba buona in questo cd da diventare vergognosamente superiore alla media europea e non. Havok, Warbringer, Bonded By Blood e molte band del suolo italico che si camuffano in modi poco intelligenti in band "revival" ma che in realtà esse sono semplicemente vecchie dentro, nonostante i componenti siano 20-30enni devono solo prendere appunti. Gli Ultraviolence fanno il dito medio a tutto questo ed escono dalla moda, escono dal concetto di revival e subentrano in una realtà che in America coesiste con quella delle vecchie glorie ma qua totalmente assente. Se prendete i Vio-Lence, gli mettete il cantante dei Revocation e ci mettete Gary Holt a fare i riff groovy quello che ne uscirebbero sarebbe esattamente questo Deflect The Flow. Non nega un'amore per gli anni 80, non mancano cori hardcore, parti di film, alcune cose più "Anthrax" ma è tutto così prodotto bene e scintillante da levare la polvere anche ai riff più deboli. Non mi viene da criticare assolutamente niente di questo lavoro, ogni traccia è interpretata e confezionata in maniera esemplare, il mix è superbo, le strutture riescono a sorprendere se pure incanalate verso dei clichè trentennali. Quanto fatto è da standing ovation, c'è adrenalina e c'è x factor a manetta, se la Candlelight Records (avete letto bene) ha puntato su di loro non è a caso! Uno dei migliori cd del genere dell'anno, il migliore cd che ho sentito uscire dalla penisola fino ad ora. AVANTI COSI'.



Tracklist
1. Burning Through the Scars 06:05 
2. Why So Serious? 06:40 
3. Gavel's Bang 05:49 
4. Lost in Decay 04:18 
5. In the Name of Your God 05:53 
6. A Second Birth 01:07 
7. The Checkered Sun 05:40 
8. Don't Burn the Witch (Venom cover) 03:28 
9. The Way I'll Stay 06:45 
10. Fractal Dimension 06:50


SENTENZA: Niente spazzatura


Recensore: Edoardo Del Principe




Share on Google Plus

About Edoardo Del Principe

YDBCN è un collettivo di persone disagiate che odia la musica
    Blogger Comment