Monsters Of Roccolo 2014 : Del Porco Non Si Butta Via Niente

WARNING : MUNIRSI DI IRONIA PRIMA DI LEGGERE

Siam giunti all'edizione 2014 del Roccolo, una tradizione decennale per il festival umbro che cambia vesti ma non la sostanza. Birra, pizza e Metal. Quest'anno diviso in due giorni. Io vi racconterò cosa è successo Sabato.

La prima band ad esibirsi sono stati i cosi...i Foo Fighters dei poveri...

"hem i Nickelback?"

tipo i Godsmack....

"Breaking Benjamin?"

(foto rubata da fb)

I Drop D da Imola. Con il loro accento spacca-pietre si esibiscono in un live show che in america avrebbe fatto lanciare reggiseni ma che qui in Umbria, data la musica proposta, risulta alieno ai più. Bravi esecutori, molto in forma il batterista, notevole per la varietà.

Dopo la cena salgono i True Lie, forti di un cd appena uscito che ho recensito controvoglia solo perchè mi hanno pagato. Chirurgici ed attenti, ritmi che si incastrano tra le progressioni dei Machine Head e le cavalcate dei Trivium. Milioni di ere geologiche avanti a tutti, qua in Umbria.



Arrivano gli Strangers In Death, il primo gruppo Death Metal a due velocità : mid tempo e super mid tempo. Io amo il genere ma sentire il Death Metal senza tupa-tupa, non dico il blast, il tupa-tupa, fa male al cuore. La band fiorentina mi costringe a riscrivere una classifica che feci qualche mese fa per metterli al primo posto.



MEEEEELMAAAAAA
Gli SRL con decadi di attività sulle spalle sono un gruppo che non si smentisce mai nei live, il ritorno del vecchio batterista poi accentua il pestare del gruppo di Terni. Fomentato e fomentatore. Il loro nome (società a responsabilità limitata) indica che non si prendono rischi se qualcuno sotto il palco si spacca qualche cosa.



Momento clou, il finale, i Death Race.
Loghi e striscione da Five Finger Death Punch ma quello che viene suonato è Death Metal scandinavo nudo e crudo con accenni al moderno in più parti.
Questo gruppo mi ha fatto salire 4 stelle di GTA sopra la testa per due motivi.



1. La cantante
2. Il chitarrista con la maglia col collo a V. E' ILLEGALE in 160 stati del mondo se vuoi suonare Death Metal.

Hanno una buona botta, sanno tenere il palco, peccato per l'immagine un po' fighettina che si scontra in modo clamoroso con una musica folgorante e potente che di "fighetto" non ha nulla. Come espressamente detto al chitarrista con la maglia col collo a V, se diventano i The Black Dahlia Murder con la cantante, diventano il mio gruppo preferito a prescindere.

Confido in voi.

Momento Wall Of Death con 6 persone. Memorabile. Ovviamente io sono finito col culo per terra.

Questa mattina allo specchio ho visto un livido sulla mia chiappa destra a forma di Gesù. Grazie.

Alcol, pizze, metal e blasfemia. Il Roccolo è una garanzia.

"DEL PORCO NON SI BUTTA VIA NIENTE, NEMMENO LA CORONA DI SPINE"
Share on Google Plus

About Edoardo Del Principe

YDBCN è un collettivo di persone disagiate che odia la musica
    Blogger Comment