Upon A Burning Body - The World Is My Enemy Now


Sono sempre stato molto combattuto riguardo questo gruppo e questo nuovo album mi ha innescato più dubbi di prima, due settimane piene di ascolti, paragoni utili anche a cercare di capire se questo gruppo mi sia piaciuto sul serio o meno.
Il disco si presenta con le tracce “Red Razor Wrist” e “Scars” che bastano per far capire la linea generale di tutto il guitar work, il quale riesce ad esprimersi al meglio solo in determinate parti come l'inizio di Scars e in altre sezioni più melodiche che vengono alternate ai soliti cari e vecchi breakdown .
Da qui in poi il disco sarà una mescolanza di queste componenti  fatte alcune eccezioni come la traccia “The new breed” che si dimostra la più dinamica del lotto.
Il comparto ritmico costruito da batteria e basso si limita a seguire diligentemente la linea costruita dalla chitarra senza però aggiungere qualcosa di davvero importante al tutto se non in poche tracce come l'appena citata “The new breed” o  la prepotente “Pledge your allegiance”. Questo limita fortemente le dinamiche delle canzoni sin troppo lineari, forzate a seguire un binario che a lungo andare può risultare prevedibile.



Uno dei punti calienti del gruppo è sicuramente il singer Danny osannato da molti e protagonista di una finta dispersione ben più che ridicola. Questa volta il lavoro svolto si è dimostrato eccellente pure per chi come me considerava la sua timbrica indigesta, La sua voce grattata si adatta perfettamente al contenuto del disco soprattutto nei brani già citati poco sopra.



In conclusione questo disco a lungo andare riesce a farsi piacere, anche da chi come me non era mai stato innamorato di questo gruppo. Il punto più difficile da assimilare è stato di sicuro il guitar work che molte volte è risultato opaco e spento se non fatte le dovute eccezioni. Si ha comunque la sensazione che l'arsenale in mano alla band americana sia sin troppo limitato o a questo giro meno ispirato rispetto il precedente lavoro. Quindi il voto che si merita questo disco è il seguente considerando che complessivamente è un lavoro ben riuscito e prodotto in nel modo giusto.






Andrea Facchinello

Share on Google Plus

About Edoardo Del Principe

YDBCN è un collettivo di persone disagiate che odia la musica
    Blogger Comment