YDBCN intervista gli Hideous Divinity


Senza presentazioni che tanto servono a poco, secondo cd su Unique Leader, formazione rinnovata, nuovo sound. A soli 2 anni dal precedente Obeisance è cambiato molto nel vostro modo di concepire le canzoni, in generale più sperimentale. Il vostro Brutal è crossover tra un sacco di realtà, ci sono parti molto “Nile” come una certa propensione ad una visione più “technical death metal” del genere. Come sono maturati gli accorgimenti nel songwriting? Chi se n'è fatto capo e se la stesura di questo nuovo capitolo è stata in qualche modo finalizzata ad un certo tipo di prodotto oppure è puramente casuale che sia uscita questa versione degli HD?

Il nostro songwriting è rimasto invariato, in genere Enrico Schettino presenta al gruppo un'idea con capo e coda partendo da riff suoi o di altri membri del gruppo, scriviamo una linea vocale e poi rimaneggiamo all'infinito ogni singolo brano fino a quando questo con combacia con l'esigenza per cui è stato scritto.
Rispetto al passato posso dirti che abbiamo buttato molti più riff e canzoni (avremmo potuto far uscire un triplo album accontentandoci), ma avevamo idee molto chiare su cosa dovevamo scrivere e come doveva suonare e, soprattutto, non avevamo alcuna fretta.

I cambiamenti di Line Up hanno un po' sconvolto i vostri piani? Dopo un primo anno di fuoco dal rilascio di Obeisance ho visto che ultimamente avete suonato un po' poco...

A dire il vero è tutto il contrario: all'uscita di Obeisance Rising abbiamo suonato pochissimo avendo dovuto cacciare due membri della prima formazione proprio perché incompatibili con l'attività live così come la concepiamo noi. A parte 6 o 7 date (per lo più tenute prima dell'uscita del disco), tutto quello che abbiamo fatto come HD lo abbiamo fatto con la nuova formazione (inclusi un tour in Russia, uno in Inghilterra e vari festival con Cannibal Corpse, Decapitated, Marduk).





Come presumo Cobra Verde è un concept album, ci potete spiegare in cosa consiste e quali sono le possibili chiavi di lettura del cd?

Non abbiamo seguito la “storia” secondo un filo strettamente temporale, Cobra Verde è un film potente e profondo che tratta di violenza, solitudine e schiavitù. Quello che abbiamo composto vuole essere un approfondimento in musica di ciò che propone e suscita il film. Chi nel death metal cerca la pura violenza ne troverà in abbondanza su Cobra Verde, ma non la troverà da sola ad attenderlo.

Quanto è stata dura emergere per gli Hideus Divnity? Raccontateci un po' le origini del gruppo, dal primo promo del 2007 (se non sbaglio), l'Inferno fest e poi la Unique Leader...

Il gruppo è nato nel 2007 come progetto solista di Enrico Schettino dopo aver lasciato gli Hour Of Penance, da lui fondati, ed essere emigrato in Norvegia. Tornato in Italia, dopo una breve reunion con gli HOP ha deciso di ritirare su il progetto e di renderlo un gruppo vero e proprio. Con un paio di canzoni all'attivo siamo stati chiamati al Gotheborg Death fest, con un promo di una canzone abbiamo ottenuto un contratto con la Unique Leader e un posto all'Inferno Festival, con litri di sangue, sudore, bestemmie e maledizioni tutto il resto. Recentemente ci siamo accorti che il nostro fan numero uno era un ottimo promoter e lo abbiamo assunto come manager/promoter/grillo parlante e le cose hanno cominciato a girare a dovere.




A Roma c'è competizione tra le band Death Metal?

C'è ma non è una competizione musicale. Della musica frega poco e a pochi. Detto questo, ci sono delle ottime band nate a Roma, ma è difficile vederle suonare a Roma. Ho detto troppe volte Roma?

Quali sono i vostri ascolti usuali? Ross Dolan ha dichiarato di ascoltare per la maggior parte solo musica leggera con voci femminili, LG Petrov praticamente solo i King Diamond e pochi altri gruppi contemporanei, anche voi fate parte dei “brutallari” che ascoltano altro?

I nostri ascolti sono i più disparati e disperati e spesso lontanissimi dal death metal. L'unica cosa che abbiamo in comune è...il death metal. E, pure li, ognuno la vede a modo suo. Forse l'unico gruppo che veramente amiamo tutti sono gli Hideous Divinity.

Quanto conta per voi la presenza Online?

Siamo nel 2015 ormai, non importa quanto conti per noi, conta almeno per tutto il resto del mondo! Seriamente parlando, 15 anni fa certi strumenti non c'erano ed era necessario espandere il proprio bacino di utenza a macchia d'olio. Ora è più facile trovare il tizio sperduto dall'altro capo del mondo che ascolta e apprezza la tua musica. Direi che è un grandissimo passo avanti.




Gli Hideous Divinity nella vita di tutti i giorni chi sono?

Un serigrafo, un medico foniatra, un laureato in Economia e Commercio che , come tale, nessun mortale ha capito effettivamente che lavoro faccia, uno studente universitario e uno studente di conservatorio.
In definitiva 5 potenziali serial killer. Ma di quelli che “era una persona così tranquilla, salutava sempre”.

Domanda finale! Quali sono i prossimi show in programma e per quale motivo dovremmo presenziare!

Il 2015, al momento, ci vede impegnati il 14 Febbraio a Salisburgo con i Defeated Sanity, a Luglio all'Obscene Extreme Fest in Repubblica Ceca, allo Stonehenge Fest in Olanda e al Gothoom Fest in Slovacchia, a fine Agosto al Kaltenbach open Air in Austria. Dovete venire perché sono tutti posti splendidi!



Share on Google Plus

About EdO-M

YDBCN è un collettivo di persone disagiate che odia la musica
    Blogger Comment