Corsi di Deathcore gratuiti a Cagliari


Ci stanno due modi di fare Deathcore; uno prevede breakdown, arpeggini e scale minori e tutte quelle puttanate, l'altro prevede l'uso di riff di Death Metal. Non c'è un metodo giusto ed uno sbagliato, sono solo scuole di pensiero. Quella dei Return To Tragedy è tipo la visione nazi fascista del genere dove se fai un riff in sedicesimi deve essere armonizzato come i Cannibal Corpse, se fai un breakdown c'è il bassdrop a renderlo più ignorante come i primissimi JFAC e la voce non può non essere un tributo a Mitch Lucker. 
Detto che 20 delle (troppo) poche visualizzazioni sono mie che mando in loop il pezzo, passerò a dirvi cosa è che distingue un pezzo del genere da merda ancestrale come gli Epiphany From The Abyss.
Il ritornello (es 1.42): una linea vocale facilmente memorizzabile al primo ascolto che si ripete (si i ritornelli non sono cori, si ripetono!)
I riff armonizzati con la morte (es.3.20/1.20) quei riff death che armonizzati magari in Re sarebbero uguali ad altri 200 gruppi ma resi in una accordatura più bassa e messi in questi contesti sembrano una macchina schiacciasassi. Sono riff così poco usati post-2011 che risultano quasi innovativi
I Breakdown fatti come i Suicide Silence (2.03) Quei breakdown che lasciano poco spazio alla fantasia ma si armano di tanta cattiveria, bassdrop e linee vocali che riempono in modo intelligente senza grugniti random.


Sappiamo che Cagliari è un po' in culo al mondo/un'altra nazione però i corsi su come fare Deathcore sono gratuiti, vitto ed alloggio sono economici. Iscrivetevi chiamando il 666.



Share on Google Plus

About Edoardo Del Principe

YDBCN è un collettivo di persone disagiate che odia la musica
    Blogger Comment