Breakdown City: 2 pallottole spuntate e mezzo


Madonna che cazzo di tristezza. I B4MV (acronimo più bimbaminchiesco della storia) sono dovuti tornare a fare metalcore perchè il loro "soft metal" era andato sui coglioni anche alle bambine di 13 anni. 


Urla, io sono fuoco
Se pure già nel 2010 facevano cagare abbondantemente ed avevano i capelli lunghi, hanno avuto con 2 cd una popolarità immensa e sono veramente riusciti ad avere qualcosa da dire nel Metalcore più "thrashy" combinando cose che andavano bene ai true defenders come alle ragazzine emo. 
Poi.
Il disastro


pop-stars
Temper-Temper è il cd più "ti prego non ho voglia di suonare ma voglio vestirmi alla moda" che esista sulla faccia della terra. Nemmeno 15 secondi a canzone valevano la pena di essere sentiti. Un abominio luciferino che in Inghilterra doveva essere acclamato come un cd dei Maiden ma che invece è stato solo il punto più basso di una carriera paurosamente in declino (musicalmente parlando) dopo solo 2 cd


Redenzione?
Al signor Matthew Tuck servirà pure l'autotune sul buco del culo di questo passo per scoreggiare in clean. Venom è la strizzata d'occhio molesta alle 15enni di oggi che dice "ti piacciono i Pierce The Veil eh?" in cui i 4 inglesi mischiano in modo promiscuo l'hard 'n' Heavy con i breakdown pompatissimi. Una soluzione che praticamente funziona solo nel mondo anglofono perchè di gente qua che continua ad ascoltare questi sedicenti musicisti non è rimasta traccia. Sono le icone di un tempo ma niente più. Questo cd è scritto in modo decisamente più agonistico, ci stanno più riff, più chitarre soliste e più cori in scream, ovviamente si voleva fare qualcosa di più qualità, e si è riusciti senza se e senza ma a fare il primo cd sufficiente dal 2008 ad oggi. 


Forse il giudizio peggiore..
Se non fosse che attualmente i B4MV sono uguali ad altre 300mila band alternative metal americane uno non si scandalizzerebbe. Invece io mi indigno perchè fare così schifo è una prerogativa di pochi. Ridursi a fare le paraculate più paracule che scrivevano gli All That Remains 8 anni fa, quelle cose che i 5FDP hanno evitato sempre accurataemente di fare, tutte canzoncine talmente anonime che ti fan proprio tenerezza.

Bravi, avete scritto un album come tanti ne escono oggi. Non siete speciali per un cazzo.

Tracklist
1. "V" 1:26
2. "No Way Out" 3:53
3. "Army of Noise" 4:18
4. "Worthless" 3:18
5. "You Want a Battle? (Here's a War)" 4:14
6. "Broken" 3:39
7. "Venom" 3:54
8. "The Harder the Heart (The Harder It Breaks)" 4:00
9. "Skin" 3:59
10. "Hell or High Water" 4:36
11. "Pariah" 3:46

Total length: 41:0

SENTENZA: 2 Pallottole spuntate e mezzo



Recensore: Edoardo Del Principe



Share on Google Plus

About Edoardo Del Principe

YDBCN è un collettivo di persone disagiate che odia la musica
    Blogger Comment