Krimh - Krimhera


Circa un anno fa, mi ritrovavo sulla ormai defunta Underrated Album a recensire “Explore” il primo ottimo album di Kerim Lechner detto “Krimh”. L’album era una bomba.

Ora, su YDBCN, seguo la tradizione e vi porto il suo ultimo disco: “Krimhera”. L’album è una bomba.Nel caso in cui il nome Kerim Lechner non vi dica nulla, vi ricordo in due parole che è stato il batterista dei Decapitated per l’album “Carnival Is Forever” e l’attuale batterista dei Septicflesh.
Per quanto breve sia stato il suo periodo nei Decapitated, l’operato di Krimh, è stato subito amato e seguito soprattutto nei suoi album solisti infatti, oltre ad essere un grandioso batterista, il ragazzo austriaco è anche chitarrista e bassista, quindi tutto quello che sentite nei suoi album è totalmente opera sua.
Krimh si sposta abilmente tra un lavoro strumentale di progressive, groove poderosi e anche tra qualche sprazzo black, il tutto ovviamente in una esibizione di batteria spettacolare e incredibilmente organica.
Nonostante alcuni pezzi che si trovano nell’album abbiano un concepimento che risale a qualche anno fa (lo si può notare in alcuni playtrough presenti nel suo canale Youtube), le canzoni risultano comunque estremamente fresche e brillanti. La produzione è una delle miglior del 2014 e anche la bellissima “Czarna Śmierć” che è l’unica traccia dove è presente la voce di Patryk Zwoliński, è una inaspettata gemma cosi come la piccola parte di sassofono nella prima traccia dell’album.
“Explore” e “Krimhera” iniziano a delineare una specifica seppur ancora ombrata originalità nel sound di Krimh che comunque, almeno per me, inizia a diventare una percorso seriamente promettente e capace e, a giudicare dalle abilità che il ragazzo mette in pratica, credo vivamente che il suo livello musicale salirà di produzione in produzione.
Senza ombra di dubbio, “Krimhera” è stato uno dei migliori album del suo genere del 2014 con nulla da invidiare ad altre band di alto calibro tenendo ovviamente conto che Krimh di per se è una band.

Un’ultima cosa giusta per chiarire: ”KRIMHERA” DI KRIMH LECHNER POLVERIZZA “BLOOD MANTRA” DEI DECAPITATED. Non c’è storia. Che sia chiaro.

                                 
Krimhera’s tracklist:
1. -1
2. Destroy Replace Recreate
3. Czarna Śmierć (feat. Patryk Zwoliński of Blindead)
4. Es Regnet Staub
5. Twisted
6. Krimhera
7. Dead Soil
8. Black Skies And Falling Stars
9. Ghoul
10. View Of A World


Recensore: Francesco Tinella


                                                                  SENTENZA: One-Man Show
                                                                          
Share on Google Plus

About Francesco Tinella

YDBCN è un collettivo di persone disagiate che odia la musica
    Blogger Comment