Loscil - Sea Island


Prendere da ogni settore dell'ambient ed amalgamarlo con gusto non è semplice, tanto meno amalgamarlo e farlo suonare interessante. Non annoia, non deride l'ascoltatore con loop interminabile e fini a sé stessi, non lascia quel senso di incompiutezza; Naturale, scorrevole, ben amalgamato e definito. L'ultimo album di Loscil si presenta come una perla del settore.
L'album si espande a macchia d'olio. In undici traccie quest'album riesce a toccare ogni aspetto che la musica ambient si prefige da anni. Crea tappeti sonori, intromissioni rumoristiche, crescendo, piccoli downtempo, dilatazioni e piccole sfumature di drone. Il tutto sempre con l'idea d'accompagnare, e mai di sovrassedere l'ascoltatore. Si ha sempre la sensazione di venir coccolati, trasportati da maree di suono che lavorano su più strati. Un ambient delicato, curato, che può dar all'ascoltatore rievocazioni dei brani di Erik Satie come può dar la sensazione di sprofondare in un loop-suite di Brian Eno e perdere la cognizione del tempo.
Un disco che non ha nulla di ostico, anche a chi non ne mastica. L'equilibrio perfetto che Loscil riesco ormai a tramutare in qualsiasi sua opera. Non vi stancherà, tanto meno vi disorienterà. Si riesce facilmente a lasciarsi andare sin dai primi ascolti ed a godere in pieno della proposta musicale. Consigliato specialmente se volete cominciare ad avvicinarsi al mondo dell'ambient e la sua sconfinata cultura, non solo musicale.





Tracklist:
Ahull 6:39
In Threes 5:58
Bleeding Ink 6:38
Sea Island Murders 8:27
Iona 8:35
Holding Pattern 6:12
Catalina 1943 6:34
Angel of Loll 5:52
Sturgeon Bank 6:01
En Masse 5:24
Angel of List 6:46

Recensore: Federico Manciocchi



Share on Google Plus

About Edoardo Del Principe

YDBCN è un collettivo di persone disagiate che odia la musica
    Blogger Comment