Recensione: Straight To Pain - Earthless



Un'altra band lezza da parte della MYO agency. Vorrei stupirmi.
Questi ragazzi sono assolutamente trai meno peggio che ho sentito trai tanti promo inviatomi però ci stanno delle cose che non possono non essere dette.
I suoni di chitarra nella parte ritmica sono meno definiti dei cd dei Nihilist di fine anni 80, uno dei plug-in più scoreggioni mai sentiti nella mia vita, uno schifo alieno che proviene da Nibiru. Fortunatamente i ragazzi in questo "Metal-core" (Gesù se ti fai promuovere da una agenzia che non sa scrivere il tuo genere...) hanno l'intelligenza di sfruttare i due chitarristi per creare spesso differenza tra le due chitarre, formando così interessanti pattern di scambio tra ritmica e solista e questa è sicuramente la nota positiva di tutto l'EP.
I suoni di batteria sono accettabili per quanto acustici e gli va dato merito almeno di non aver cagato troppo fuori dal vaso, si sente che questo è un livello tecnico che riescono a padroneggiare e quindi si sente che alcuni casi i pezzi riescono ad avere una buona botta.
Quello che penalizza tutto il lavoro sono di sicuro i suoni fin  troppo ovattati ed occlusi che nemmeno i Suffocation di Effigy sono riusciti ad avere. Altro punto debole è la voce assolutamente mononota per la maggior parte delle canzoni, quelle poche volte che fa una cosa diversa dal growl gli riesce bene, allora fai quello? Il growl basso è abbastanza insopportabile. Se si riuscisse a dare lo stesso colore dei ritornelli anche alle strofe non sarebbe male.
Nonostante sia tutto "sufficiente" per ora, quello che fa un po' storcere il naso sono le composizioni in se. Il punto debole di tutto è la prevedibilità delle melodie e delle strutture che spesso ripetono pattern veramente abusatissimo ben prima del metalcore dallo swedishcore della seconda metà degli anni 90.
Non posso dire totalmente male, perchè male non è in senso assoluto, certo, si spostassero su concetti meno abusati in generale, avessero un po più cura nei suoni e cercassero di trovare una caratterizzazione sarebbe un bel salto, o meglio, sarebbe un'altra band. Questo EP mostra semplicemente le possibilità di fare X cose. Quanto mostrato non è di nessuno interesse per il mercato e per gli ascoltatori di queste sonorità poichè il prodotto è molto poco ricercato e tra la marea di gruppi underground non spicca per nessuna qualità.


SENTENZA: Bah


Recensore: Edoardo Del Principe



Share on Google Plus

About Edoardo Del Principe

YDBCN è un collettivo di persone disagiate che odia la musica
    Blogger Comment